Dopo la pandemia, Il Grande Fratello starà a guardare

I governi di tutto il mondo hanno assunto un controllo senza precedenti sulla vita quotidiana dei loro cittadini in risposta al coronavirus. Nel mondo post-coronavirus, il Grande Fratello starà a guardare.

Il futuro dello stato /1

di Stephen M. Walt

I governi di tutto il mondo hanno assunto un controllo senza precedenti sulla vita quotidiana dei loro cittadini in risposta al coronavirus. Democrazie e dittature hanno allo stesso modo chiuso i confini, imposto quarantene, chiuso gran parte dell’economia e messo in atto una varietà di regimi di sperimentazione, tracciamento e sorveglianza al fine di contenere l’infezione. Quelli che hanno agito più rapidamente e hanno adottato misure più rigorose hanno avuto molto successo. I leader che hanno negato i fatti, fatto finta di nulla e ritardato l’azione  sono responsabili di migliaia di morti che potevano essere prevenute.

Man mano che i tassi di infezione diminuiscono e diventano disponibili trattamenti efficaci, molti paesi allenteranno gradualmente la maggior parte delle restrizioni attualmente in vigore. Alcuni dei leader che hanno assunto poteri di emergenza durante la crisi potrebbero abbandonarli. Ma preparatevi alla nuova normalità: l’opportunismo politico e la paura di una nuova pandemia porteranno molti governi a mantenere in vigore alcuni dei loro poteri appena acquisiti. Aspettatevi che la nostra temperatura venga misurata o che veniate sottoposti a tampone quando viaggiate e abituatevi ad avere il telefono controllato, ad essere fotografati e ad essere localizzati in molti paesi—e non è detto che tali informazioni siano sempre utilizzate per questioni di salute pubblica. Nel mondo post-coronavirus, il Grande Fratello starà a guardare.

Stephen M. Walt (@stephenWalt) è professore Belfer di affari internazionali alla Harvard Kennedy School e collaboratore della rivista Foreign Policy.

[Traduzione di Chris Montanelli]

Articolo originale: Stephen M. Walt, “After the Pandemic, Big Brother Will Be Watching,” Foreign Policy, July 17, 2020

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *