Cosa ha rivelato il “Rapporto Russia” sugli attacchi informatici russi?

Il "Rapporto Russia" conferma ciò contro cui gli esperti di sicurezza informatica hanno continuamente messo in guardia per diversi anni: il governo russo e i suoi hacker pagati dallo stato sono impegnati in un'attiva guerra informatica contro l'Occidente.
Autore: Wiktor Szymanowicz | Ringraziamenti: Barcroft Media via Getty Images Copyright: © 2020 Wiktor Szymanowicz

Il “Rapporto Russia” conferma ciò contro cui gli esperti di sicurezza informatica hanno continuamente messo in guardia per diversi anni: il governo russo e i suoi hacker pagati dallo stato sono impegnati in un’attiva guerra informatica contro l’Occidente. Ciò include tentativi di phishing contro agenzie governative, attività di copertura per rubare informazioni top-secret e attività intese a influenzare le elezioni democratiche di altre nazioni.

Ancora più allarmante, per il governo britannico, è il fatto che tale rapporto rivela che il Regno Unito è a conoscenza dell’attuale guerra informatica russa da circa quattro anni. Nel 2016, il Comitato per l’Intelligence e la Sicurezza aveva raccomandato al governo di ottenere supporto dalla comunità internazionale per la ricerca di modi per vendicarsi degli attacchi informatici russi.

Il rapporto indica che il Regno Unito è un obiettivo primario per la guerra informatica russa e la sua pubblicazione indica un cambiamento di atteggiamento verso il riconoscimento e l’assegnazione delle colpe della Russia nei riguardi della guerra informatica, una mossa che rivela l’urgenza del problema e l’immediata minaccia che pone alla sicurezza nazionale del Regno Unito.

Per molti anni le aziende di sicurezza informatica hanno documentato le nefaste attività da parte di hacker sponsorizzati dallo stato russo come Fancy Bear, APT28 e Pawn Storm, ma questa è la prima volta che il governo del Regno Unito riconosce formalmente che quegli autori degli attacchi hanno preso di mira agenzie governative.

Sarà interessante vedere quali contromisure il governo adotterà per prevenire futuri attacchi.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *