Le statue portano a un dibattito vitale o infiammano passioni pericolose?

L'abbattimento di una statua dello schiavista Edward Colston a Bristol ha scatenato un dibattito nazionale in Gran Bretagna. Gli utenti di Twitter hanno discusso i pro e i contro di tali rimozioni
Manifestanti a Bristol con la statua abbattuta dello schiavista Edward Colston

L’abbattimento di una statua dello schiavista Edward Colston a Bristol ha scatenato un dibattito nazionale in Gran Bretagna. Gli utenti di Twitter hanno discusso i pro e i contro di tali rimozioni

Le statue portano a un dibattito vitale o infiammano passioni pericolose? E chi dovrebbero commemorare? Questi sono solo alcuni dei temi discussi sui social media a seguito degli eventi della protesta di Black Lives Matter a Bristol lo scorso Giugno.

Boris Johnson (@BorisJohnson), un grande ammiratore di Winston Churchill—la cui statua è stata presa di mira dai dimostranti—crede che “le statue ci insegnano il nostro passato, con tutti i suoi difetti. Abbatterli sarebbe mentire sulla nostra storia e impoverire l’educazione delle generazioni a venire.”

Robert Saunders (@redhistorian) ha sostenuto che “le statue abitano il presente, non il passato, e sono soggette alla sua giurisdizione. La nostra relazione con il passato e ciò che scegliamo di onorare possono cambiare nel tempo. Non è un’offesa alla storia riflettere quei cambiamenti in ciò che commemoriamo nei nostri spazi pubblici.”

Bernardine Evaristo (@BernardineEvari) è andata oltre. “Le persone di colore, le donne, le classi lavoratrici e LGBTQI+ [persone] sono state tutte cancellate o emarginate nella cronologia della storia ufficiale britannica. Il trasferimento e la ricontestualizzazione delle statue tossiche nei musei è un necessario rifacimento della storia.”

Non penso che le persone imparino molto sulla storia alla sola vista di una statua

In un dibattito su una statua di Robert Clive, che stabilì brutalmente il dominio britannico in India, Likav Nerus (@LikavN) ha scritto:” Disprezzo Clive. Ma penso che la sua statua dovrebbe rimanere per ricordare a tutti gli indiani che vi passano davanti le atrocità britanniche in India e per ricordare agli inglesi che il loro impero era costruito sull’invasione e la repressione delle colonie. Le targhe che informano le persone sulla storia reale sarebbero di aiuto.”

La professoressa Charlotte Lydia Riley (@lottelydia), docente dell’Università di Southampton, ha concordato, in parte. “Alcune statue o monumenti possono essere usati per avere conversazioni difficili riguardo storie complesse, ma semplicemente non erigiamo statue a persone che non vogliamo celebrare oltre che ricordare … Non penso che le persone ‘imparino’ molto sulla storia alla sola vista di una statua.”

John (@hartigjl) ha aggiunto una nota di cautela: “Non dovremmo prima essere chiari sul perché la statua è lì? Spesso è abbastanza specifico, indipendentemente dal carattere della persona e del resto delle informazioni che si hanno: Nelson (ci ha salvato dall’invasione, sebbene un adultero); Churchill (ha ispirato la resistenza durante la Seconda Guerra Mondiale nonostante un passato non privo di macchie), ecc.”

Nick Harris (@2ndthoughttank) ha proposto un’azione radicale. “Il dibattito sulla statua rimossa non si è ancora spostato su come fonderli per creare nuovi monumenti?”

L’idea ha entusiasmato Daniel Korski (@DanielKorski): “Ci sono molti grandi soggetti per nuove statue come la scrittrice Mary Price, gli abolizionisti Ottobah Cugoano e Olaudah Equiano … Che ne dite di una campagna #100nuovestatue?”

Il dibattito sembra destinato a rimanere aperto per lungo tempo ma, come sottolinea lo storico e editorialista della BBC History Magazine David Olusoga (@DavidOlusoga), “le guerre alle statue non devono distrarci da una resa dei conti con il razzismo”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *