Il co-creatore di Ice Bucket Challenge Patrick Quinn muore a 37 anni

Quinn ha il merito di aver promosso la "più grande campagna sui social media della storia", raccogliendo più di $ 220 milioni per la ricerca sulla SLA
The Ice Bucket Challenge, un'attività virale avviata da Pete Frates e Patrick Quinn, ha raccolto milioni per la ricerca sulla SLA. Quinn è morto domenica all'età di 37 anni.

Patrick Quinn, la cui battaglia personale con la malattia di Lou Gehrig ha contribuito ad alimentare la campagna di raccolta fondi Ice Bucket Challenge, è morto all’età di 37 anni, sette anni dopo la sua diagnosi, secondo l’Associazione SLA e i suoi sostenitori su Facebook.

Quinn, che è nato e cresciuto a Yonkers, New York, è stato co-fondatore della campagna che ha raccolto più di 220 milioni di dollari per la ricerca medica sulla sclerosi laterale amiotrofica (SLA), più comunemente nota come malattia di Lou Gehrig. Gli è stata diagnosticata la SLA l’8 marzo 2013.

Domenica, l’associazione ALS ha attribuito a Quinn il merito di aver contribuito a rendere popolare “la più grande campagna sui social media della storia”, aggiungendo: “La sfida del secchiello del ghiaccio ha notevolmente accelerato la lotta contro la SLA, portando a nuove scoperte di ricerca, all’espansione dell’assistenza alle persone con SLA e a maggiori investimenti del governo nella ricerca sulla SLA “.

Le condoglianze alla famiglia Quinn si sono riversate sui social media domenica sera, con molti che hanno espresso gratitudine per i riflettori che ha attirato sulla malattia e la necessità di trovare una cura. I suoi sostenitori hanno detto su Facebook: “Lo ricorderemo sempre per la sua ispirazione e il suo coraggio nella sua instancabile lotta contro la SLA”.

L’Ice Bucket Challenge è diventato virale sui social media nell’estate del 2014, quando le persone in tutto il mondo hanno pubblicato video e foto di se stesse che scaricavano secchi di acqua ghiacciata sulla testa e sfidavano gli altri a fare lo stesso mentre sollecitavano donazioni per la ricerca sulla SLA.

Circa 12.000-15.000 americani possono avere la SLA, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Si stima che dal 5% al ​​10% dei casi di SLA sia ereditario, ma la causa è sconosciuta e non esiste una cura.

Tra i molti riconoscimenti di Quinn per la sensibilizzazione sulla SLA e la promozione della ricerca c’era una nomina con il collega attivista della SLA Peter Frates come persona dell’anno della rivista Time. Frates è morto l’anno scorso a 34 anni, sette anni dopo la sua diagnosi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *