Dune (2021) | Trascrizione italiana

Il film narra la storia di Paul Atreides, un giovane brillante e talentuoso, nato con un grande destino che va ben oltre la sua comprensione, che dovrà viaggiare verso il pianeta più pericoloso dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e alla sua gente.
Dune (2021)

Denis Villeneuve dirige Dune, adattamento per il grande schermo dell’omonimo celebre best seller di Frank Herbert.

Il film narra la storia di Paul Atreides, un giovane brillante e talentuoso, nato con un grande destino che va ben oltre la sua comprensione, che dovrà viaggiare verso il pianeta più pericoloso dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e alla sua gente. Mentre forze maligne si fronteggiano in un conflitto per assicurarsi il controllo esclusivo della più preziosa risorsa esistente sul pianeta – una materia prima capace di sbloccare il più grande potenziale dell’umanità – solo coloro che vinceranno le proprie paure riusciranno a sopravvivere.

* * *

I sogni sono messaggi dal profondo.

Il mio pianeta Arrakis è così bello quando il sole è basso.

Ha volute sopra la sabbia, si vede la spezia nell’aria.

Al crepuscolo, atterrano le mietitrici di spezia.

I forestieri corrono contro il tempo per evitare il calore del giorno.

Saccheggiano le nostre terre davanti ai nostri occhi.

La loro crudeltà contro il mio popolo è l’unica cosa che conosco.

Questi forestieri, gli Harkonnen, sono venuti molto prima che io nascessi.

Il controllo della produzione di spezia li ha resi oscenamente ricchi, più ricchi dello stesso Imperatore.

I nostri guerrieri non sono riusciti a liberare Arrakis dagli Harkonnen, ma un giorno, per decreto imperiale, sono spariti.

Perché l’Imperatore ha scelto questa via?

Chi saranno i nostri prossimi oppressori?

DUNE PARTE UNO

ANNO 10191

CALADAN PIANETA NATALE DI CASA ATREIDES

È un bene che ti sia svegliato presto.

Tuo padre ti vuole in alta uniforme prima che arrivi l’Araldo dell’Imperatore.

Alta uniforme?

Militare?

Cerimoniale.

Perché dobbiamo fare questo teatro quando è già deciso?

Cerimonia.

Mm.

Grazie.

Se lo vuoi, ordinami di dartelo.

Usa la Voce.

Mamma, mi sono appena svegliato.

Dammi l’acqua.

Il bicchiere non ti sente, ordinamelo.

Dammi l’acqua.

Quasi.

Quasi?

Ci vogliono anni per apprendere le abilità da Bene Gesserit, Paul.

Mm-hmm.

Hai l’aria stanca.

Ancora sogni?

No.

Temperature estreme ed eventi meteorologici infidi rendono la vita fuori dalle città di Arrakis davvero ostile, con tempeste di sabbia tanto potenti da penetrare il metallo.

Solo le tribù indigene note come Fremen si sono adattate abbastanza per sopravvivere.

Dato che preferiscono abitare nelle regioni più remote di Arrakis, i Fremen condividono l’alto deserto con i giganteschi vermi delle sabbie, noti ai Fremen come Shai-Hulud.

La lunga esposizione alla spezia ha dato alla tribù i tipici occhi azzurri, gli Occhi di Ibad.

Poco altro si sa dei Fremen, a parte che sono pericolosi e inaffidabili.

Gli agguati dei Fremen rendono molto pericolosa la raccolta della spezia.

Per i Fremen, la spezia è l’allucinogeno sacro che preserva la vita e porta enormi benefici per la salute.

Per l’Imperium, la spezia è la sostanza usata dai navigatori della Gilda Spaziale per trovare vie sicure fra le stelle.

Senza spezia, i viaggi interstellari sono impossibili, il che la rende la sostanza più preziosa dell’universo.

Sorridi, Gurney.

Sto sorridendo.

Quanto costerà loro, viaggiare fino a qui per questa formalità?

Tre Navigatori della Gilda.

1,46 milioni e 62 solari, andata e ritorno.

Per grazia di Shaddam IV della Casa Corrino, ascendente al Trono del Leone Dorato dell’Imperatore Padiscià dell’Universo Conosciuto, sono qui davanti a te come Araldo del Cambio.

Sono nostri testimoni membri della Corte Imperiale, rappresentanti della Gilda Spaziale e una sorella del Bene Gesserit.

L’Imperatore ha parlato.

“Casa Atreides assumerà immediatamente il controllo di Arrakis e servirà da suo amministratore.”

Accettate?

Noi siamo Casa Atreides.

Non c’è chiamata a cui non rispondiamo, non c’è fede che tradiamo.

L’Imperatore ci chiede di portare la pace su Arrakis.

Casa Atreides accetta.

Atreides! Atreides! Atreides!

Atreides! Atreides! Atreides!

Il vostro sigillo.

Dunque, è fatta?

È fatta.

Com’è andata?

Gli stabilizzatori sono troppo laschi.

Li sistemiamo.

Grazie, amico mio.

Certo.

Duncan.

Ragazzo mio.

Ehi. Ehi.

Paul, ragazzo mio.

Quindi, domani vai su Arrakis.

Con la squadra di ricognizione.

Sì, domani vado su Arrakis con la squadra di ricognizione.

Vorrei che mi portassi con te.

Davvero?

Peccato, perché è no.

Duncan.

Vuoi mandarmi davanti alla corte marziale?

Che succede?

Posso confessarti una cosa?

Sempre, lo sai.

Ho fatto dei sogni.

Su Arrakis e i Fremen.

Ok.

E allora?

Ti ho visto.

Con i Fremen.

Ah.

Quindi li trovo! È di buon auspicio, no?

Lanville!

Ti ho visto morto, caduto in battaglia. Ho sentito che, se fossi stato lì, saresti rimasto vivo.

Primo, non muoio.

Non mi prendi sul serio.

Per questo vuoi venire con me. Ascolta. I sogni sono belle storie, ma le cose importanti accadono quando siamo svegli, perché è quando le facciamo accadere. Guardati. Hai messo su un po’ di muscoli?

Dici?

No.

Ehi.

Ci vediamo su Arrakis, ragazzo mio.

Padre, chiedo di unirmi a Duncan Idaho nella sua missione su Arrakis, domani.

Ho studiato la lingua dei Fremen.

Non se ne parla.

Ad Arrakis andrai fra qualche settimana come noialtri.

È una vita che mi addestro.

A che serve, se non affronto rischi?

Lo sai perché, Paul.

Sei il futuro di Casa Atreides.

E il nonno si batteva con i tori per sport!

Sì.

E guarda dove l’ha portato.

Ho bisogno di te al mio fianco.

Quando arriveremo su Arrakis, affronteremo un pericolo enorme.

Quale?

I Fremen? Il deserto?

Un pericolo politico.

Le Grandi Case guardano a noi per il comando e ciò minaccia l’Imperatore.

Togliendo Arrakis agli Harkonnen e facendolo nostro, prepara la strada per una guerra

che indebolirebbe entrambe le Case.

Ma, se ci manteniamo saldi e attingiamo al vero potere di Arrakis, potremmo essere più forti che mai.

Che vuol dire?

Estrarre la spezia e tenere i Fremen al loro posto?

Non saremmo migliori degli Harkonnen.

No.

Stringere un’alleanza con i Fremen.

Ho mandato Duncan Idaho a organizzare proprio questo.

Qui su Caladan, abbiamo governato con il potere del cielo e del mare.

Su Arrakis, dobbiamo coltivare il potere del deserto.

Voglio che partecipi al mio Consiglio, che impari il mio lavoro.

E se non lo fossi, papà?

Non fossi cosa?

Il futuro di Casa Atreides.

Anch’io dissi a mio padre che non volevo questo.

Volevo fare il pilota.

Non me l’hai mai detto.

Tuo nonno disse: “Un grande uomo non va in cerca di comando. Viene chiamato e risponde.”

Se la tua risposta è no, sarai comunque l’unica cosa di cui ho bisogno: mio figlio.

Io ho trovato la mia strada. Forse tu troverai la tua.

In loro memoria… provaci.

Non stare con le spalle alla porta.

Quante volte te lo devo dire?

Ho capito che eri tu dai passi, Gurney Halleck.

Qualcuno potrebbe imitare la mia andatura.

Riconosco la differenza.

Sei il nuovo maestro d’armi?

Visto che Duncan Idaho non c’è, devo arrangiarmi come posso.

Scegli la lama.

Ho avuto una giornata pesante.

Cantami una canzone, piuttosto.

Sei scortese.

Avanti.

Avanti.

Vecchio.

La spada lenta penetra lo scudo.

Non sono dell’umore giusto.

Umore?

Sì.

Che c’entra l’umore?

Combatti quando ce n’è necessità, a prescindere dall’umore.

Ora combatti!

Avanti!

Ti ho battuto.

Sì.

Ma guarda in basso, mio signore.

Mi avresti seguito nella morte.

Vedo che hai trovato l’umore.

Sarà così terribile?

Non ci arrivi, vero?

Non capisci fino in fondo la gravità di ciò che sta succedendo.

Per 80 anni, Arrakis è appartenuto alla Casa Harkonnen.

80 anni di proprietà dei campi di spezia.

Ti immagini la ricchezza?

Devo vederlo nei tuoi occhi.

Tu non hai mai incontrato gli Harkonnen, io sì.

Non sono umani, sono brutali!

Devi essere pronto.


GIEDI PRIME
PIANETA NATALE DI CASA HARKONNEN

Signor Barone.

Rabban.

Le nostre ultime navi hanno lasciato Arrakis.

È fatta.

Molto bene.

Zio, come possiamo lasciare che accada?

Come può l’Imperatore… prendere tutto ciò che abbiamo costruito e darlo a quel Duca?

Come?

Non pensare che sia un atto d’amore.

Che significa?

Quand’è che un dono non è un dono?

La voce degli Atreides si sta alzando e l’Imperatore è un uomo invidioso.

Invidioso e pericoloso.

Paul.

Svegliati.

Che c’è?

Vestiti e vieni con me.

Che vuol dire?

La Reverenda Madre Gaius Helen Mohiam è qui.

Era la mia insegnante alla scuola Bene Gesserit, ora è la Veridica dell’Imperatore.

Vorrebbe conoscerti.

Perché?

Vuole sapere dei tuoi sogni.

Come fa a sapere dei miei sogni?

E perché il dott. Yueh è qui?

Ha bisogno solo di un minuto.

Salve, giovane padrone.

Vostra madre vuole che controlli i vostri parametri vitali.

Che succede?

Le Bene Gesserit dicono di servire un bene superiore, ma, senza voler mancare di rispetto alla vostra signora madre, servono anche un loro disegno.

Che state dicendo?

Siate cauto.

Il suo cuore è più forte che mai, mia signora.

Non ditelo a nessuno.

Paul…

Ricorda il tuo addestramento.

Chi sei?

Sfida negli occhi.

Come suo padre.

Lasciaci.

Devi fare tutto ciò che ti dice la Reverenda Madre.

Mandate via mia madre in casa sua.

Vieni qui.

Inginocchiati.

Come osi usare la Voce con me?

Metti la mano destra nella scatola.

Tua madre ti ha detto di obbedirmi.

Tengo vicino al tuo collo il Gom Jabbar.

Un ago avvelenato.

Morte istantanea.

Il test è semplice.

Togli la mano dalla scatola e muori.

Cosa c’è nella scatola?

Dolore.

Non serve chiamare le guardie.

Tua madre è dietro quella porta, non lascerebbe passare nessuno.

Perché lo fate?

Un animale preso in trappola si stacca la zampa a morsi per scappare.

Tu cosa farai?

Silenzio.

Non devo avere paura.

Non devo avere paura.

Non devo avere paura.

La paura è la piccola morte che porta all’annullamento.

Affronterò la mia paura e le permetterò di attraversarmi.

E una volta passata… il mio occhio interiore ne seguirà il cammino.

E laddove sarà stata… non sarà più nulla.

Rimarrò soltanto io.

Basta.

Come si setaccia la sabbia, noi setacciamo le persone.

Se non fossi stato capace di controllare i tuoi impulsi, come un animale, non ti avremmo lasciato vivere.

Erediti troppo potere.

Perché sono il figlio di un duca?

Perché sei il figlio di Jessica.

Hai più di un diritto di nascita, ragazzo.

Jessica?

L’hai addestrato nella Via.

Raccontami di questi sogni.

Ne ho fatto uno stanotte.

Che cosa hai visto?

Una ragazza, su Arrakis.

L’hai sognata altre volte?

Molte.

Sogni spesso cose che poi accadono esattamente come le hai sognate?

Non proprio.

Addio, giovane umano.

Spero che tu viva.

Dovevi arrivare a tanto?

Hai scelto di addestrarlo nella Via, nonostante le nostre regole.

Ha il nostro potere, doveva essere messo alla prova fino al limite.

Un simile potenziale, sprecato per un maschio.

Ti era stato detto di generare solo figlie.

Ma tu, nel tuo orgoglio, hai pensato di poter generare il Kwisatz Haderach.

Mi sbagliavo?

Sei fortunata che non sia morto in quella stanza.

Se è lui l’Eletto, ha molta strada da fare.

La sua Vista è appena risvegliata e ora entra nel fuoco.

Ma i nostri piani si misurano in secoli.

Abbiamo altre prospettive, se non rispetta la sua promessa.

Vedete così scarsa speranza?

Su Arrakis, abbiamo fatto il possibile per te.

È stato tracciato un sentiero.

Speriamo che lui non lo sperperi.

Paul.

Che significa?

Che potrei essere l’Eletto?

Hai sentito.

Le Bene Gesserit sono socie potenti delle Grandi Case, ma c’è di più.

Voi pilotate la politica dell’Imperium nell’ombra.

Lo so.

Tu non sai tutto.

Da migliaia di anni incrociamo attentamente le linee genetiche… per generare…

L’Eletto?

Una mente… abbastanza potente da congiungere spazio e tempo, passato e futuro.

Che potrà aiutarci a entrare in un futuro migliore.

Riteniamo che sia molto vicino, ormai.

Alcuni pensano che sia qui.

È tutto parte di un piano.

Scudo.

“I miei polmoni gustano l’aria del Tempo Che soffia oltre le sabbie che ricadono.”

Thufir Hawat.

Giovane padrone!

Che effetto fa camminare in un nuovo mondo?

È emozionante, a dir poco.

Mio signore.

Come stai, vecchio amico?

La mia squadra di ricognizione ha messo al sicuro la città.

Stiamo ancora appianando alcuni punti difficili.

Mia signora.

Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Non lasciatevi ingannare dall’accoglienza, seguono le regole dei loro vecchi padroni: partecipazione obbligatoria, quello è l’amore degli Harkonnen.

Atreides!

Atreides! Atreides! Atreides!

Atreides! Atreides! Atreides!

Atreides! Atreides!

Vi portiamo via dal sole.

Il calore può uccidere, qui.

Ci stavano indicando.

Che cosa urlano?

Lisan al-Gaib, “Voce dal Mondo Esterno”.

È il loro nome per “messia”.

Vuol dire che le Bene Gesserit hanno lavorato qui.

Introducendo superstizioni.

Preparando la strada, Paul.

Queste persone hanno atteso per secoli il Lisan al-Gaib.

Vedono te e vedono i segni.

Vedono ciò che è stato detto loro di vedere.

Possiamo andare.

Muro Scudo.

Protegge la città dalle intemperie e dai vermi.

I locali chiamano quella più grande “la Mano di Dio”.

La Mano di Dio sta gettando scompiglio nel nostro sistema di comunicazioni.

Che silenzio.

Già.

È quello che preoccupa anche me.

Quello è lo spazioporto e quel pennacchio di polvere laggiù è la raffineria di spezia.

I nostri due punti più vulnerabili.

Voglio che facciate la guardia.

Se non possiamo raffinare la spezia e spedirla in altri pianeti, siamo morti.

Mio signore, il sole è troppo alto, dobbiamo chiudere le porte.

Che cosa dicono di questo buco infernale?

“Per farti la doccia, ti strofini il culo con la sabbia”, signore.

Questo dicono.

Questo dicono.

Candidate per una governante, mia signora.

Come ti chiami?

Shadout Mapes, mia signora.

Voialtre potete andare.

Grazie.

Shadout.

È un’antica parola Chakobsa.

“Scavatore di pozzi.”

Sei una Fremen.

Sapete le antiche lingue?

Io so molte cose.

So che hai un’arma nascosta nel corpetto.

Non ora.

Se intendi farmi del male, ti avverto, qualsiasi cosa tu nasconda, non sarà sufficiente.

Quest’arma è un dono, se voi siete veramente l’Eletta.

Lo conoscete?

È un Cryss.

Conoscete il suo significato?

Preparati alla violenza.

È un creatore…

Un creatore dell’alto deserto.

Quando hai vissuto con la profezia così a lungo, il momento della rivelazione è uno shock.

Lisan al-Gaib.

La madre e il figlio.

È vostro.

Un dente di Shai-Hulud.

Lisan! Lisan al-Gaib!

Lisan al-Gaib! Lisan al-Gaib!

Salve.

Non dovresti stare qui a quest’ora del giorno.

Loro stanno qui fuori.

Hmm. Pellegrini Fremen.

Non gli importa dei colpi di calore.

Non sapevo neanche che le palme da dattero si potessero trovare, qui.

Queste non sono indigene.

Non possono sopravvivere senza di me.

Ognuna di queste ogni giorno beve quanto cinque uomini.

Venti palme.

Cento vite.

Non dovremmo toglierle e risparmiare l’acqua?

No, no, no.

Sono sacre.

Un antico sogno.

L’organismo più grande e pericoloso su Arrakis è il verme delle sabbie, che può raggiungere i 400 metri di lunghezza.

Per evitare di fare rumori ritmici, che attraggono i vermi delle sabbie, i Fremen attraversano il deserto usando il passo della sabbia, un movimento, simile alla danza, dal ritmo irregolare, che emula i suoni naturali del deserto.

Quel poco di vita vegetale che c’è su Arrakis esiste grazie ai Fremen, che hanno sempre coltivato piante terranee ben radicate, come il saguaro, il rovo dell’asino, la verbena delle sabbie e il rovo dell’incenso.

È documentato che l’albero del pastore ha le radici più profonde, che si estendono a più di 140 m di profondità.

Queste piante si aggrappano alla vita in un paesaggio riarso e arido.

È un cercatore-assassino.

L’operatore deve essere vicino.

Un agente Harkonnen è stato cementato in quel buco sei settimane fa.

Ha fatto passare il cercatore-assassino da una tubatura dell’acqua nelle pareti.

Signore, ho fallito, oggi, non ci sono scuse.

Avete le mie dimissioni.

Vuoi privarci del tuo talento in questo momento?

Sire, il mio onore esige…

Hanno cercato di uccidere mio figlio!

Me ne frego del tuo onore.

Vuoi l’assoluzione? Vai a catturare qualche spia.

Vostra Grazia.

La cosa deve andare via.

Potete parlare senza paura.

Il nostro animale non capisce la vostra lingua.

Fuori.

La capisce.

Attivare silenzio.

Qual è il messaggio dell’Imperatore?

Rafforzerà la vostra mano.

Con il suo esercito di Sardaukar.

Non si deve sapere.

Non ci sono satelliti sopra Arrakis.

Gli Atreides moriranno nelle tenebre.

A questo proposito… il Duca Leto Atreides non vale nulla per il nostro ordine.

Ma sua moglie è sotto la nostra protezione e, per estensione, suo figlio.

Concedete loro la dignità dell’esilio.

Casa Harkonnen non si sognerebbe di violare la santità del vostro ordine.

Vi do la mia parola.

Non faremo loro del male.

Se il figlio del Duca vive…

Nessun Atreides vivrà.

Mio signore, avete dato la vostra parola alla strega.

Lei vede troppo.

Ho detto che non avrei fatto loro del male e non gliene farò.

Ma Arrakis è Arrakis e il deserto si porta via i deboli.

Il mio deserto.

Il mio Arrakis.

Il mio Dune.

La tua prima riunione di strategia.

Paul Atreides, che cattura i cercatori-assassini a mani nude, come un eroe di un tempo.

Grazie per l’umiliazione, vecchio.

Devo tenerti d’occhio.

Attenti!

Iniziamo.

Thufir. Operazioni.

Ho ottenuto una copia dei libri contabili degli Harkonnen.

Gli Harkonnen prendevano 10 miliardi di solari da qui, ogni anno.

“Attingeranno le ricchezze dai mari e dai tesori nascosti nella rena.”

Non vedremo profitti così per un pezzo, con le attrezzature che ci hanno lasciato.

Quanto è grave?

Questi sono silos per la spezia.

Dobbiamo riempire ogni cassa.

Tutte?

Ogni 25 giorni standard.

Il sabotaggio degli Harkonnen ci rallenta.

Ma chi dovrebbe mediare?

Non c’è un Arbitro del Cambio a controllare la transizione?

Chi ha designato, l’Imperatore?

La dr.ssa Liet Kynes, ecologa imperiale.

È qui da vent’anni.

Eccentrica, da quanto mi dicono.

Voglio vedere di persona i campi di raccolta.

Non lo consiglio, mio signore.

Ci accompagni l’Arbitro del Cambio.

È tempo di incontrarsi.

E avremo un po’ di protezione imperiale.

Un ostaggio.

Mi piace.

Hmm.

Lui è qui, mio signore.

Abbi cura di loro, sono amici.

Duncan!

Ah! Ragazzo mio!

Giuro che stai diventando più alto.

Tu puzzi molto di più.

Per quattro settimane ho vissuto con i Fremen,

nascosto nel deserto, in una comunità chiamata sietch.

Stilgar, il leader del sietch, è venuto con me per incontrarvi, sire.

Questo sietch, come è nascosto?

È sottoterra.

Arrakis è pieno di caverne.

Quanto era grande il posto?

Direi 10.000 persone.

E ci sono centinaia di sietch.

Milioni di Fremen.

Avevi ragione.

La stima degli Harkonnen era di 50.000 su tutto il pianeta.

I Fremen mi hanno sorvegliato mentre li cercavo per giorni.

Io non li ho mai visti.

Alla fine, hanno mandato un guerriero a uccidermi e devo dire che non sono mai arrivato così vicino alla morte.

Non c’è combattente migliore nell’Imperium.

Combattono come demoni.

Il potere del deserto.

Duncan.

Ben fatto.

Grazie, mio signore.

Sire.

Il loro leader ha un coltello che non vuole consegnare, sire.

È un Cryss, è sacro per il suo popolo.

Lascialo passare.

Fermati lì.

Ehi! Ehi!

Mm.

Stilgar.

Benvenuto.

Signore, io rispetto la dignità personale di ogni uomo che rispetti la mia.

Hmm.

Fermi.

Grazie, Stilgar, per il dono dell’umidità del tuo corpo.

Lo accettiamo nello spirito con cui è stato donato.

Sono felice che tu sia venuto.

Credo che il tuo popolo e il mio abbiano molto da offrirsi l’un l’altro.

No, voi siete di un altro mondo, venite qui per la spezia, la prendete e non date niente in cambio.

Questo è vero.

So che avete sofferto per mano degli Harkonnen.

Di’ che cosa vuoi.

Se è in mio potere accordarlo, te lo darò e non chiederò niente.

Mm. Io chiedo questo: non cercate i nostri sietch, non violate le nostre terre.

Il deserto era nostro molto prima del vostro arrivo.

Quindi, venite a scavare la spezia, ma, una volta presa, tornate da questa parte del Muro Scudo e lasciate il deserto ai Fremen.

Devi rivolgerti al Duca con “mio signore” o “sire”.

Gurney… solo un attimo.

L’Imperatore mi ha dato Arrakis come mio feudo da governare e proteggere.

Non posso prometterti di non viaggiare nel deserto, se il dovere mi costringe.

Ma i sietch saranno vostri per sempre e non vi daremo mai la caccia, finché governerò io.

Questo è molto onorevole.

Devo andare, è tutto quello che ho da dirti.

Non ti fermi?

Ti renderemmo onore.

L’onore richiede che io sia altrove.

Ti riconosco.

Non mi piace.

Il nostro piano reca i suoi frutti.

Ma ci vorrà del tempo?

Sì.

Ci vorrà del tempo.

Questa è per te.

È una parabussola.

Le lune qui hanno un campo magnetico, un semplice ago non punta verso nord.

Ci vuole un meccanismo intelligente per districarsi.

Le fanno i Fremen?

Anche le tute distillanti, i compattatori di sabbia, ogni tipo di oggetti geniali.

Che diavolo è un compattatore di sabbia?

Questo è un compattatore.

Mio Dio, sei diventato un indigeno.

Li ammiri.

Sì.

Sono feroci, ma leali.

Sono in sintonia col deserto, ne sono parte.

E il deserto fa parte di loro.

Vedrai.

È bellissimo lì.

Avviso alba, a tutti i lavoratori.

Oggi la temperatura raggiungerà i 60 gradi.

Attualmente ci sono 32 gradi, ma fra dieci minuti arriveremo a 49.

Ultimo avviso.

L’Arbitro del Cambio, sire.

La dr.ssa Liet Kynes.

Mio signore Duca.

Benvenuta su Arrakis.

Siete l’ecologa imperiale.

Grazie per le tute distillanti.

Le fabbricano i Fremen.

Il massimo.

Con il vostro permesso, sire, devo verificare l’integrità della tuta…

Ehi.

Va bene.

Va bene.

Dr.ssa Kynes, siamo nelle vostre mani.

Le tute distillanti sono sistemi filtranti ad alta efficienza.

Perfino di mattina così presto non sopravvivreste due ore senza questa.

Rinfresca il corpo e ricicla l’acqua dispersa con il sudore.

I movimenti del corpo forniscono l’energia.

Dentro la maschera, troverete un tubo che permette di bere l’acqua riciclata.

Mm.

Se funzionante, la tuta non perderà più di un ditale d’acqua al giorno.

Stupefacente.

Vediamo voi, giovanotto.

Avete… mai indossato una tuta distillante?

No, è la prima volta.

I vostri stivali da deserto scorrono liberamente sulle caviglie, chi vi ha insegnato a farlo?

Mi sembrava il modo giusto.

Conoscerà i vostri usi come se fosse nato fra voi.

Siete Fremen?

Sono accettata sia nel sietch che nel villaggio.

Ora, venite a vedere le sabbie di spezia da cui dipende il vostro sostentamento.

Cosa fareste se il vostro ornitottero cadesse qui?

Sarebbe meglio non cadere qui.

È territorio di vermi.

Nuvola di polvere.

La vedo.

È una delle vostre mietitrici.

Si vede la spezia sparsa sulla superficie.

Un ricco strato di spezia, dal colore.

Se andate un po’ più in alto la visuale è migliore.

Vedete quei ricognitori che cercano segni del verme.

Segni del verme?

Un’onda di sabbia che si muove verso il trattore.

I vermi si avvicinano alla superficie quando attaccano.

Se siete paziente… dovremmo vederne uno.

I vermi vengono sempre?

Sempre, sono attratti dal rumore ritmico.

Perché non mettiamo uno scudo?

Uno scudo è una condanna a morte, nel deserto.

Attrae i vermi e li porta a una frenesia omicida.

Quello è un verme?

Grosso.

Avete buoni occhi.

Chiamo trattore Delta Ajax nove.

Allerta segni del verme. Affermativo.

Chi chiama Delta Ajax nove?

Passo.

Sembrano abbastanza calmi.

Volo non registrato, affari dell’Imperium.

Segno del verme a nord e a est.

3,7 chilometri.

Delta Ajax nove, qui Ricognitore Uno. Segno del verme confermato.

Aspettare posizione contatto.

Verme su rotta di intercettazione vostra posizione, contatto fra cinque minuti.

E ora che succede?

Chiameranno un’ala trasporto per sollevare il trattore.

Raccoglieranno fino all’ultimo momento.

Chiamo ala trasporto Alpha Zero.

Pronti per sequenza di attracco.

Contatto fra cinque minuti. Chiudo.

Qualcuno vede l’ala trasporto?

Eccola.

Qui ala trasporto Alpha Zero a Delta Ajax nove.

In avvicinamento da vostro est.

Correzione altitudine e preparazione attrezzatura attracco.

Ricevuto, Alpha Zero. Inizio sequenza attracco.

T-5.

Ricevuto.

Prepararsi a essere in volo fra 30 secondi.

Sequenza attracco iniziata. Reggetevi.

Alpha Zero, ci manca un punto di contatto.

Che succede?

È una delle ancore, è morta.

Merda.

Ala trasporto non in grado di ricevere, impossibile sollevare senza l’ancora.

Chiamata generale! Chiamata generale!

A tutte le ali trasporto nel settore, rispondete!

Ricognitore Uno, aggiornateci. Passo.

Il motore idraulico è morto, non ce la faremo, evacuate.

Contatto fra quattro minuti.

Riprovate!

Quanti uomini su quel trattore?

In tutto 21.

Le nostre navi possono prenderne sei ciascuna.

Ne restano fuori tre.

Troveremo il modo.

Sono il Duca Leto Atreides.

Scendiamo per estrarre l’equipaggio del Delta Ajax nove.

Atterriamo a ovest.

I generatori di scudo pesano 100 kg ciascuno.

Sì, Gurney, fai gettare dalla nostra scorta i generatori di scudo.

Sì, sire.

Paul, ti voglio dietro sul totter.

Guidali dentro.

Delta Ajax nove, mettete sette uomini in ciascuna delle mie navi.

Contatto fra due minuti.

Si avvicina, ragazzi, meglio abbandonare la nave subito.

Dove sono?

Signore, c’è un protocollo per un motivo.

Se facciamo un passo lì fuori, siamo morti.

E poi, abbiamo un pieno carico di spezia, non possiamo lasciarlo.

Al diavolo la spezia!

Voglio tutti gli uomini fuori dal trattore ora!

Ehi!

Ehi

Sette qui, sette lì.

Via, via, via!

Kwisatz Haderach.

Il Kwisatz Haderach si risveglia.

Presto! Salite!

È qui.

Paul!

Paul!

Riconosco i tuoi passi, vecchio.

Alzati!

Andiamo!

Che ti prende? Forza, andiamo!

Corri!

Ehi!

Benedetto sia il Creatore e la Sua acqua.

Benedetta la Sua venuta e la Sua partenza.

Possa il Suo passaggio purificare il mondo e conservare il mondo per il Suo popolo.

Ehi!

Non puoi correre rischi simili.

Sì, signore.

Hai delle responsabilità.

Mi dispiace, signore, non succederà più.

Vai.

Dr.ssa Kynes.

L’avete visto.

Con i vostri occhi, è ovvio.

Tutto quello che ci hanno lasciato è in rovina.

Ci hanno incastrati per fallire.

Quell’ala trasporto era vecchia.

Il deserto non è clemente con le macchine.

Sapete cosa succederà se non rimetto in sesto la produzione di spezia.

Non sono qui per prendere le vostre parti.

Arrakis ha visto uomini come voi andare e venire.

Abbiate cura della vostra famiglia.

Il deserto non è clemente neanche con gli umani.

La spezia è una sostanza chimica psicoattiva.

Sembra che siate sensibile.

Vi passerà.

Grazie, dott. Yueh.

Non è stata una reazione allergica.

Ho avuto una visione.

Avevo gli occhi spalancati.

Che cosa hai visto?

Kwisatz Haderach.

Tu puoi vedere.

Mi confonde.

Mi è sembrato di vedere la mia morte, ma non lo era.

So che un coltello è importante, in qualche modo.

Qualcuno mi consegnerà una lama, ma non so né chi, né quando, né dove.

Alcune cose, però, sono cristalline.

Lo sento.

So che sei incinta.

Non puoi saperlo.

Lo so a malapena io, è solo di poche settimane.

SALUSA SECUNDUS
PIANETA DELL’ESERCITO IMPERIALE

Perché il Barone ha bisogno di noi?

Gli Harkonnen sono più numerosi degli Atreides.

Le legioni degli Atreides sono le migliori dell’Imperium.

Addestrate da Gurney Halleck e Duncan Idaho.

Noi siamo i Sardaukar.

Le Lame dell’Imperatore.

Coloro che si oppongono a noi cadono.

Esatto.

Tre battaglioni.

Come concordato.

Lo ordina l’Imperatore. Sarà fatto.

C’è una cosa che devi sapere di Paul.

No.

Non credo di volerla sapere.

Da quando l’hai portato dalla tua Reverenda Madre non è più lo stesso.

È distratto.

Jessica, tu mi hai dato un figlio e, dal momento in cui è nato, non ti ho mai contestato.

Mi sono fidato totalmente.

Anche quando hai camminato nell’ombra.

Ora ti chiedo quest’unica cosa.

Se succede qualcosa, proteggerai nostro figlio?

Con la mia vita.

Non lo chiedo a sua madre, lo chiedo alla Bene Gesserit.

Proteggerai Paul?

Perché hai questi pensieri?

Leto, non è da te.

Credevo che avessimo più tempo.

Buona notte, padrone Paul.

Buona notte, dott. Yueh.

Hai bisogno di dormire.

No.

Non così.

Avrei dovuto sposarti.

Hawat. Vigilanza.

Vigilanza.

Signore. Signore.

Lo scudo è sceso.

Dio del cielo.

Fate decollare tutto quello che ha delle armi! Via!

Via! Via! Via!

Con me! Con me!

Atreides!

Atreides!

Sardaukar!

Sardaukar!

Mi dispiace, mio signore, ma ho stretto un patto con il Barone.

Perché?

Non avevo scelta.

Gli Harkonnen hanno mia moglie, Wanna.

La fanno a pezzi come una bambola.

Comprerò la sua libertà e voi siete il prezzo.

Per Paul, farò quello che posso.

E voi… ucciderete un uomo per me.

Vi sostituirò il dente posticcio.

Se stringete forte i denti, questo si romperà.

Se espirate, riempirete l’aria di veleno.

Sarà il vostro ultimo respiro.

Ma, se scegliete bene il momento, sarà l’ultimo anche per il Barone.

Paul.

Li scarichiamo nel deserto.

Li lasciamo ai vermi.

Perché non gli tagliamo la gola?

Potremmo affrontare una Veridica.

Possiamo dire che non li abbiamo uccisi.

Quello sfregiato è sordo.

Al diavolo, cani!

Non mi sono mai fatto una nobile.

Tu?

Le Bene Gesserit non sono tutte nobili.

Lei è abbastanza nobile per me.

Diamo il ragazzo in pasto ai vermi e diamo a lei un lungo addio.

Non vi azzardate a toccare mia madre.

Non parlare.

No! Non sei pronto.

Levatele il bavaglio.

Zitto.

Trova il tono giusto.

Siamo abbastanza lontani.

Buttiamo fuori il ragazzo.

Levatele il bavaglio.

Uccidilo.

Liberaci.

Fermo!

Taglia la corda!

Dammi il coltello.

Il tuo tono era troppo forzato.

È uno zaino Fremen.

Hanno danneggiato la nave.

Mmm.

Ah.

Hai una cucina magnifica, cugino.

Questa è la calligrafia del dott. Yueh.

“Se qualcuno riesce a uscire vivo da Arrakeen, c’è un faro Atreides nello zaino. Se Dio vuole, riusciranno a trovarvi.”

Mio signore Barone.

Dott. Yueh.

Il traditore.

Che cosa vuoi?

Ho disturbato le loro comunicazioni e abbassato i loro scudi.

Hmm.

Ho consegnato il Duca e la sua famiglia.

L’accordo alla lettera.

E io cosa dovevo fare per te?

Liberare mia moglie dalla sua agonia.

Sì.

Ho detto che l’avrei liberata.

Che ti saresti unito a lei.

Quindi, unisciti a lei.

Secondo te cosa viene dopo?

Un martellatore.

Non ci sono tute distillanti.

L’unica cosa che ci serve veramente.

Per centinaia di anni, abbiamo scambiato sangue con sangue.

Ma ora basta.

Tuo figlio è morto, la tua concubina è morta.

Questa sera Casa Atreides cade e la tua linea di sangue finisce per sempre.

Che cosa hai detto?

Eccomi… qui rimango.

Kynes!

Non sei al sicuro, qui.

Direte alle Grandi Case del Landsraad come siamo stati traditi?

Come i migliori di loro sono stati assassinati?

Ho l’ordine di non dire niente.

Né vedere niente.

L’Imperatore ci ha mandato qui a morire.

C’è spezia nella tenda.

È il futuro, sta arrivando.

Una guerra santa si diffonde in tutto l’universo come un fuoco inestinguibile.

Paul, hai paura, lo vedo.

Dimmi, ti prego, di cosa hai paura?

Qualcuno mi aiuti, per favore.

Paul.

Sta arrivando.

Vedo una guerra santa che si diffonde nell’universo come un fuoco inestinguibile.

Una religione guerriera che sventola il vessillo degli Atreides per mio padre.

Paul.

Legioni di fanatici in adorazione del teschio di mio padre.

Una guerra in mio nome!

Tutti gridano il mio nome!

Paul.

Paul Atreides.

Tu sei figlio di tuo padre, sei mio figlio, tu sei il Duca Paul Atreides.

Tu sai chi sei. Tu sai chi sei.

Lasciami!

Tu mi hai fatto questo!

Voi Bene Gesserit avete fatto di me un mostro!

Mio padre è morto.

C’è qualcuno vicino.

Devi bere.

È acqua riciclata della tenda.

Sudore e lacrime.

Andiamo via.

Quello è Duncan.

Mia signora.

Paul.

Mi dispiace, tuo padre…

Lo sappiamo.

Mio signore Duca.

Tieni.

Bevete questo.

Gli Harkonnen hanno colpito tutti i centri abitati del pianeta simultaneamente.

Ci saranno state dieci legioni, centinaia di navi.

C’erano i Sardaukar con loro.

Almeno due battaglioni.

Sei sicuro?

Se incroci la spada con un Sardaukar, lo sai.

Quindi l’Imperatore si è schierato.

Che dice l’Arbitro del Cambio?

L’Imperatore mi proibisce di parlare.

Eppure rischiate la vita per salvarci.

È in arrivo una tempesta.

La tempesta arriverà fra poche ore, saremo al sicuro, qui.

Lo sapete cos’è questo posto?

Una vecchia stazione di collaudo ecologica.

Dovevano domare il pianeta, liberare l’acqua rinchiusa sotto la sabbia.

Arrakis avrebbe potuto essere un paradiso.

Avevano iniziato i lavori, ma poi venne scoperta la spezia e all’improvviso nessuno volle più che il deserto sparisse.

Tanat, puoi trovare delle tute distillanti per i nostri visitatori?

Sì, Liet.

Shamir, caffè, per favore.

Certo, Liet.

Chi siete voi per i Fremen?

Sapete che cosa temono più di tutto le Grandi Case, dr.ssa Kynes?

Esattamente ciò che ci è accaduto qui.

Che i Sardaukar vengano a farli fuori uno per uno.

Solo insieme hanno una speranza contro l’Imperium.

Vorreste testimoniare?

Testimoniare che l’Imperatore si è mosso contro di noi, qui?

Se mi credono, ci sarebbe un conflitto generale fra le Grandi Case e l’Imperatore.

Caos… in tutto l’Imperium.

Mettiamo che io offra all’Imperatore un’alternativa al caos.

L’Imperatore non ha figli e le sue figlie devono ancora sposarsi.

Tentereste di arrivare al trono?

L’Imperatore temeva gli Atreides, vi ha portato qui per uccidervi.

Cos’è che non capite?

Siete un ragazzo sperduto che si nasconde in un buco nel terreno.

I Fremen parlano del Lisan al-Gaib.

Attento.

La Voce del Mondo Esterno che li condurrà in paradiso.

Superstizione.

So che amavate un guerriero Fremen e l’avete perso in battaglia.

So che camminate in due mondi e siete conosciuta con molti nomi.

Ho visto il vostro sogno.

Come imperatore, potrei fare di Arrakis un paradiso con un cenno della mano.

Pensi davvero che sia il Mahdi?

Mi sembra giovane.

Sardaukar!

No! Duncan!

Paul, no!

Duncan, no!

No!

No!

Paul, no!

Duncan, no!

Ha chiuso la porta.

Duncan! No!

Se n’è andato.

Duncan!

Dobbiamo andare, non c’è scelta.

Paul, go! Paul!

Andiamo. Andiamo, andiamo!

Seguite la luce.

Troverete un totter pronto al decollo.

La tempesta è la vostra occasione migliore, sopra ai 5.000 metri è soprattutto polvere.

Salite, rimanete in alto, puntate a sud e trovate i Fremen.

Non venite con noi?

Ha solo due posti.

Io andrò alla stazione successiva e riferirò di questo attacco al Landsraad.

Come?

Sono una Fremen.

Il deserto è la mia casa.

Buona fortuna.

Buona fortuna.

Kynes, hai tradito l’Imperatore.

Io servo un solo padrone.

Il suo nome è Shai-Hulud.

Ci sono dei razzi dietro di noi.

Paul, non siamo abbastanza in alto!

Non devo avere paura.

La paura uccide la mente.

La paura è la piccola morte che porta all’annullamento.

Vedi l’amico.

Vedi l’amico.

Il mistero della vita non è un problema da risolvere… ma una realtà da sperimentare.

Un processo che non può essere compreso arrestandolo.

Dobbiamo fluire insieme al processo.

Dobbiamo unirci a esso, fluire con esso.

Lascia andare.

Lascia andare.

La sua guarigione non è completa.

Li abbiamo inseguiti in una tempesta di Coriolis.

Venti a 800 chilometri all’ora.

Nulla sopravvive a una simile tempesta.

Sono morti.

È una certezza.

Quindi è fatta, finalmente.

Mandate a dire al Giedi Prime di iniziare a vendere le nostre riserve di spezia.

Ma lentamente.

Non vogliamo che il prezzo crolli.

Non avete idea di quanto mi sia costato portare una simile forza qui.

Ora ho solo un’esigenza: il profitto.

Quindi, spremi, Rabban, spremi forte.

Sì, zio.

E i Fremen?

Uccideteli tutti.

Siamo sopra i 5.000 metri.

Appena atterriamo, corri verso le rocce.

E respira attraverso questo.

Ora dobbiamo trovare i Fremen.

Tutto a posto?

Sì.

Paul…

Non avere paura.

Anche un piccolo topo del deserto può sopravvivere.

Non avere paura.

Dovrai affrontare le tue paure.

Un amico…

Un amico ti aiuterà.

Segui quell’amico.

Hai molto da imparare.

E io ti mostrerò gli usi del deserto.

Vieni con me.

Il sietch dove viveva Duncan è da qualche parte in quella direzione.

Vedo della vegetazione, laggiù.

Lì.

Vuol dire che ci vivono dei Fremen.

Attraverseremo dopo il tramonto.

È così che fanno i Fremen.

Stiamo per entrare nel territorio dei vermi.

Non possiamo camminare come umani, altrimenti siamo morti.

Dobbiamo camminare come i Fremen, si chiama passo della sabbia.

Almeno secondo i librifilm.

Sì. Sì, ok.

Ok. Seguitemi.

Fai i miei stessi movimenti.

Credo che sia la direzione giusta.

È qui vicino.

Andiamo via.

Aspetta.

È un tamburo delle sabbie.

Scappa.

Via, via!

È un martellatore.

Qualcuno ha attivato un martellatore.

Paul, corri!

Quanto sono grandi?

È stato pazzesco.

Qualcuno l’ha chiamato.

Non siamo soli.

Non scappate.

Sprecherete soltanto l’acqua del corpo.

Fermi.

Stilgar.

Ehi!

Mi conosci, ero lì quando sei venuto al Consiglio di mio padre.

Oh.

Questo è il figlio del Duca.

Che cosa aspetti?

Ci serve la loro acqua.

Questo è il ragazzo di cui ti ho parlato, non possiamo toccarlo.

Come può essere lui il Lisan al-Gaib?

Non ne ha dato prova.

Sono deboli.

Jamis.

È stata una traversata coraggiosa, quella sul sentiero di Shai-Hulud.

Non parla né si comporta come un debole.

Neanche suo padre.

Il mio martellatore gli ha salvato la vita.

Torna alla ragione, Stilgar.

Non è lui l’Eletto.

Abbiamo amici potenti.

Voi ci aiutate ad andare su Caladan e sarete ben ricompensati.

Quale ricchezza potete offrire, a parte l’acqua nella vostra carne?

Hmm…

Il ragazzo è giovane, può imparare le nostre usanze.

Può avere asilo.

Ma la donna non ha addestramento ed è troppo vecchia per imparare.

Indietro, cani!

Mi taglierà la gola.

Perché non hai detto di essere un’estraniatrice e una combattente?

La conversazione è stata breve.

Pace, donna.

Pace.

Ho giudicato frettolosamente.

Il sole sta sorgendo.

Dobbiamo raggiungere il Sietch Tabr.

Il destino di questi forestieri verrà deciso lì.

Fino ad allora, hanno il mio sostegno.

Ho dato la mia parola.

Non ti avrei permesso di fare male ai miei amici.

Dicono che tu sei il Mahdi, ma sembri un bambino.

Hai scelto la strada più difficile.

Seguimi.

Dobbiamo andare!

Dammela.

Avrai la tua pistola maula quando te la sarai guadagnata.

Dammela.

Chani, occupati dei nuovi arrivati, fa’ in modo che siano al sicuro nel viaggio. Andiamo.

Io non li voglio.

Jamis, ho parlato, stai calmo.

Tu parli come un leader, ma comanda il più forte.

Lei ti ha battuto.

Invoco l’Amtal.

Non puoi sfidare una Sayyadina.

Allora chi si batterà al suo posto?

Jamis, non farlo.

No, la notte sta svanendo.

E allora il sole sarà testimone di questa morte.

Dov’è il suo campione?

Accetto il suo campione.

Paul Atreides deve morire… perché sorga il Kwisatz Haderach.

Non temere.

Non resistere.

Quando togli una vita, la togli a te stesso.

Io non credo che tu sia il Lisan al-Gaib.

Ma voglio che tu muoia con onore.

Questo Cryss mi è stato regalato dalla mia prozia.

È fatto con un dente di Shai-Hulud, il grande verme delle sabbie.

Sarà un grande onore, per te, morire impugnandolo.

Dov’è l’uomo di un altro mondo?

Jamis è un bravo combattente.

Non ti farà soffrire.

Chani…

Ehm…

Non importa.

Possa il tuo coltello scheggiarsi e spezzarsi.

Dovresti accogliere la mia lama.

Questo mondo ti ucciderà.

Così è più rapido.

Ti arrendi?

Il ragazzo non conosce le nostre regole.

Nessuno può arrendersi, secondo le regole dell’Amtal, la morte è l’unica prova.

Sta giocando con lui?

No.

Paul non ha mai ucciso un uomo.

Kwisatz Haderach.

Kwisatz Haderach.

Sali in alto, alzati.

Sei uno di noi, ora.

Una vita per una vita.

Vieni con noi al Sietch Tabr.

No.

Paul deve andare via da questo mondo.

Lo avrete un modo! Avete trafficanti, navi.

No.

Avete…

L’Imperatore ci ha mandato in questo posto e mio padre è venuto non per la spezia, non per le ricchezze, ma per la forza del vostro popolo.

Il mio cammino conduce nel deserto.

Lo vedo.

Se vorrete tenerci, verremo.

Il potere del deserto.

Questo è soltanto l’inizio.

TRATTO DAL ROMANZO DUNE DI FRANK HERBERT

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp